Prestito Ex inpdap: i nuovi tassi

Ogni trimestre viene stilata la tabella dei TEGM (Tassi effettivi globali medi), nonché dei tassi massimi ammissibili ai fini anti-usura. E’ sulla base di essi che vengono delineate le linee-guida dei tassi per le cessioni del quinto ai dipendenti pubblici ed ai pensionati ex inpdap.

E ciò a partire dall’ultimo decreto, in cui ci si voleva mettere al riparo dall’eccessiva discrezionalità che si lasciava agli istituti convenzionati nel concedere il prestito.

Le cessioni del quinto sono ormai diffuse per ogni dove, anche al di fuori dei canali ufficiali inps.

Riepiloghiamo le caratteristiche essenziali della cessione del quinto, per poi scendere nei dettagli a valutare la convenienza del prestito ex inpdap.

La cessione del quinto viene concessa anche a protestati, in quanto si preleva direttamente dalla busta paga. Vengono, pertanto, svolti degli accertamenti di forma, allo scopo di accertare la capienza della quota cedibile, rispetto al reddito netto.

E’ obbligatoria l’Assicurazione rischio vita o rischio impiego che è quella ad incidere maggiormente sul costo del prestito.

Un esempio. Il prestito ex inpdap pluriennale garantito

Non è la singola banca o finanziaria che vi approva la cessione del quinto (non bisogna confondere tra offerte private cessioni del quinto e prestito ex inpdap).

La pratica viene inoltrata all’Inps, a condizione che si si risulti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali che, nel caso di impieghi pubblici, dovrebbe avvenire in automatico, in decurtazione dalla busta paga.

Tra i requisiti vi è quello di avere almeno 4 anni di assunzione, utili alla maturazione della pensione.

La durata massima del prestito è di 10 anni.

Se si ricorre al canale Inps-ex inpdap, bisogna, pertanto, aggiungere ai tassi-offerta presentati dalle singole banche o finanziarie (in corrispondenza delle linee guida stabilite):

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
  • 0,50% dell’importo ottenuto, a titolo di rimborso delle spese di amministrazione Inps
  • 1,5% (prestito ex inpdap quinquennale) o 3% (prestito decennale), a titolo di premio compensativo per il rischio di insolvenza, da inoltrare sempre all’Inps stessa. Il premio compensativo può arrivare a sfiorare il 4%, nel caso delle fasce di età più elevate (oltre 65 anni di età).

Quindi, chi concede il prestito? La banca o finanziaria a cui ci rivolgiamo.

Chi si fa carico della garanzia? L’Inps, a cui l’interessato invia domanda di prestito con gli appositi moduli presenti nel sito ufficiale (https://www.inps.it).

Non tutte le cessioni del quinto figurano come prestiti inps, ma si delega la banca o finanziaria, indicando come modalità di pagamento il Rid automatico, con cui si preleva direttamente dalla mensilità (stipendio o pensione), il che è cosa diversa dal prestito ex-inpdap per il quale la pratica viene inoltrata dapprima all’ufficio competente inps per la concessione della garanzia.

Come vengono formulati i tassi-guida per il prestito ex-inpdap

Prendiamo l’esempio più recente. I tassi vigenti a partire dal mese di aprile 2014 e validi sino al 30/06/2014 per la Cessione del quinto della pensione.

Cosa fa l’Inps? Si attiene ai tassi soglia e TEGM medi pubblicati in gazzetta ufficiale per il periodo di riferimento.

Nello specifico, i TEGM per i prestiti contro cessione del quinto dello stipendio o pensione risultano essere:

fino a 5.000 euro – 12,08% (Tassi soglia: 19,10)

oltre 5.000 euro – 11,50% (Tassi soglia: 18,3750)

L’Inps assume come discriminante l’età, aumentando il tasso all’aumentare dell’età del richiedente.

Quindi, un prestito ex-inpdap contro cessione del quinto fino a 5.000euro per un pensionato che abbia fino a 59 anni di età, avrà come tasso guida il 9,01%. Differenze quasi inesistenti per classi di importo. Lo stesso prestito se concesso per importi superiori a 5.000 euro avrà come tasso guida il 9,05%. Per 70-79 anni di età si ha una maggiorazione anche dell’ordine di 4 punti percentuali, senza però mai arrivare ai livelli soglia.

Le banche o finanziarie si stanno facendo carico della polizza vita obbligatoria per legge. In effetti, ciò rendeva il prestito ex-inpdap molto poco competitivo rispetto agli altri canali alternativi. Le banche o finanziarie possono proporre tassi di mercato più competitivi, nell’ambito di quelli guida, fissati dall’Inps.

Se vuoi acquistare e depositare le principali criptovalute, ricorda che i migliori wallet online sono 3: Coinbase, Spectrocoin. Invece per fare trading con le criptovalute il miglior trader affidabile è sempre Etoro.

Tags:inpdap

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi