Prestiti a protestati: finanziamenti personali con protesto

prestiti ai protestati sono una categoria di finanziamenti erogati a favore delle persone che subiscono un protesto, come ci conferma la definizione di Prestitimag, riguardante tutto l’ambito dei finanziamenti personali con protesto, cattivi pagatori e pignorati.

Ma quali sono le principali caratteristiche di questa tipologia di prestiti?

Continua a leggere questa guida e scopri come funzionano i finanziamenti ai soggetti ai protestati. Ma, prima facciamo chiarezza su cos’è un protesto.

Protesto: cos’è?

Prima di analizzare le caratteristiche dei prestiti ai protestati, è bene sapere che cos’è un protesto. Nel diritto pubblico, il protesto è un atto pubblico redatto da un notaio o da un altro pubblico ufficiale con il quale viene attestato il mancato pagamento di un assegno o di un qualsiasi altro titolo esecutivo (cambiale).

In buona sostanza, se si sottoscrive una cambiale che non si riesce ad onorare regolarmente, il pubblico ufficiale procederà ad iscrivere il nome del debitore inadempiente nel Registro Informatico dei protesti.

Quali sono le conseguenze di subire un protesto? Sono tutt’altro che piacevoli: dal punto di vista civile si va incontro al pignoramento dei beni da parte del creditore. Inoltre, vengono addebitati gli interessi di mora.

Se si subisce un protesto per un assegno bancario non pagato regolarmente, viene irrogata una sanzione amministrativa “salata” che può essere evitata con il pagamento.

Il protesto è oggetto di pubblicità allo scopo di tutelare chiunque abbia rapporti economici con il protestato.

Infatti, tutti i dati dei debitori che non adempiono al pagamento del titolo cambiario o di un assegno bancario vengono inseriti nel Registro Informatico dei Protestati con divieto di emettere assegni per la durata di sei mesi.

Tale Registro può essere consultato presso la Camera di Commercio sia dai privati che dalle banche, le quali possono valutare il merito creditizio di un soggetto istante prima di concedere un mutuo o un finanziamento.

La riabilitazione del soggetto protestato viene concessa a condizione che lo stesso non abbia subito altri protesti nell'ultimo anno solare e sia trascorso almeno un anno dalla levata di protesto.

Prestiti ai protestati: a chi sono rivolti?


Dipendenti pubblici, privati, pensionati disoccupati possono richiedere un prestito per i protestati.

Cessione del quinto dello stipendio per i dipendenti pubblici protestati

Per i dipendenti pubblici assunti con contratto a tempo indeterminato o determinato che abbiano subito un protesto, è possibile richiedere la cessione del quinto dello stipendio.

Si tratta di una forma di finanziamento che consente di restituire l’importo erogato dall’ente creditizio attraverso la trattenuta diretta nella busta paga, nella misura massima del 20% della retribuzione netta mensile.

Questo tipo di prestito prevede l’accesso al TFR maturato in caso di mancato pagamento e la copertura di una polizza assicurativa in caso di decesso, perdita del lavoro e invalidità permanente.

Prestiti ai protestati per i dipendenti privati

Per i dipendenti privati che abbiano subito un protesto possono ottenere una cessione del quinto dello stipendio o un prestito cambializzato, che prevede la restituzione della somma ricevuta attraverso il pagamento di un titolo cambiario emesso in forma di “tratte” o “di pagherò”. In genere, sono richieste come garanzie: il TFR maturato, una busta paga, l’intervento di un garante o una fidejussione.

Prestiti cambializzati per protestati disoccupati

Per i cattivi pagatori e i protestati disoccupati e senza reddito è possibile richiedere un prestito cambializzato. Le cambiali sono titoli di credito che garantiscono all’ente creditizio il saldo di quanto stabilito in sede contrattuale. In caso di mancato adempimento scatta il pignoramento dei beni del soggetto debitore.

Essendo privo di reddito, il soggetto disoccupato può richiedere un importo non molto elevato affinché la domanda possa essere accettata. Di solito il capitale finanziato non eccede i 5.000 euro.

Si ricorda che il titolo cambiario per essere considerato legalmente valido deve contenere la banca d’appoggio presso cui effettuare il saldo, il nominativo del creditore e del debitore, la data di scadenza, il bollo che ne certifichi la validità in corso e la firma del debitore.

Prestito ai pensionati protestati

Anche i pensionati protestati possono richiedere una cessione del quinto sulla pensione o un prestito cambializzato. Un’altra forma di finanziamento è il credito su pegno attraverso una garanzia reale (gioielli, pellicce, orologi, etc.). Questa tipologia di prestito è consigliabile in caso di piccoli importi.

Prestiti ai protestati: importo e durata

L’importo massimo che i protestati possono richiedere dipende dall’importo massimo dell’indebitamento mensile, pari al 20% della retribuzione netta in busta paga o nel cedolino pensione. La durata del rimborso può arrivare fino a 120 mesi.

Finanziamenti ai protestati: tassi e assicurazione

Dal punto di vista dei tassi, i prestiti ai protestati sono più onerosi e sono erogati a condizioni economiche meno vantaggiose rispetto ai “classici” prestiti.

Inoltre, se si opta per la cessione del quinto sullo stipendio/pensione per i soggetti protestati, è obbligatorio sottoscrivere una polizza assicurativa, che consente di tutelare ulteriormente la banca, nel caso di premorienza o di disoccupazione.

Prestiti per i protestati: tempistiche

Per quanto concerne le tempistiche, i prestiti ai protestati vengono erogati in pochissimi giorni, permettendoti così di ottenere la somma di denaro desiderata senza lunghe attese.

Leggi anche: Consigli utili per i finanziamenti a Protestati

Se vuoi acquistare e depositare le principali criptovalute, ricorda che i migliori wallet online sono 3: Coinbase, Spectrocoin. Invece per fare trading con le criptovalute il miglior trader affidabile è sempre Etoro.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie & Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi